Come realizzare una parete divisoria in cartongesso per zona doccia e/o sanitari  Skip to content

Come realizzare una parete divisoria in cartongesso per zona doccia e/o sanitari 

Il bagno è tra gli ambienti domestici che richiedono più di frequente interventi di ristrutturazione, tanto per motivi estetici quanto funzionali. Non di rado, un restyling radicale implica la ridistribuzione degli spazi interni, mediante la realizzazione di pareti divisorie per i sanitari o il vano doccia. In tal caso, i sistemi a secco rappresentano una risorsa pratica e flessibile per la realizzazione di svariate soluzioni, anche all’interno di un ambiente umido come il bagno.  

Progettare un sistema a secco per il bagno 

Come per qualsiasi altro intervento, anche per la realizzazione di una struttura a secco in bagno è fondamentale approntare un progetto di riferimento. In tal senso, i fattori da valutare sono diversi: gli ingombri dei sanitari (e il relativo spazio utile necessario al loro utilizzo), le dimensioni del piatto del box doccia e, non ultimo, lo spazio complessivamente a disposizione. In base a tali fattori, è possibile decidere la distribuzione di volumi e superfici, individuando le soluzioni più adatte alle proprie esigenze. 

Utensili e materiali occorrenti 

I materiali necessari per allestire una parete divisoria in cartongesso impermeabile e finita con piastrelle all’interno di un bagno sono: 

  • Lastre in cartongesso; 
  • Profili metallici a ‘U’; 
  • Viti autofilettanti; 
  • Tasselli ad espansione; 
  • Nastro biadesivo in polietilene; 
  • Stucco per cartongesso; 
  • Nastri di rinforzo per il trattamento dei giunti; 
  • Primer di preparazione per cartongesso; 
  • Guaina impermeabilizzante elasto-cementizia; 
  • Rete in fibra di vetro; 
  • Paraspigoli in acciaio; 
  • Accessori per l’impermeabilizzazione; 
  • Colla cementizia; 
  • Mattonelle; 
  • Stucco per fughe. 

Per quanto riguarda gli utensili, è indispensabile avere a disposizione: 

  • Metro (analogico o laser); 
  • Cutter per lastre di cartongesso; 
  • Cesoia o mola da taglio per sagomare i profili a ‘U’; 
  • Trapano avvitatore; 
  • Cazzuola e spatola; 
  • Matita; 
  • Livella (analogica, digitale o laser). 

Come realizzare la struttura 

La parete divisoria del box doccia va realizzata seguendo lo stesso ciclo d’intervento di qualsiasi altra struttura a secco. Dopo aver effettuato le misurazioni necessarie, si procede come segue: 

  • Tagliare i profili metallici a ‘U’ su misura; 
  • Applicare il nastro biadesivo sulla parte esterna dei laminati per fissare questi ultimi al pavimento e alla parete; 
  • Vincolare i profili a ‘U’ ai supporti in muratura, utilizzando i tasselli ad espansione; 
  • Sagomare i profili metallici per ottenere i montanti interni; questi ultimi vanno vincolati all’intelaiatura mediante apposite viti filettate; 
  • Tagliare le lastre di cartongesso su misura, servendosi del cutter; 
  • Vincolare i pannelli in cartongesso al telaio metallico, utilizzando viti apposite. 

Finitura e impermeabilizzazione 

Per implementare la finitura della parte esterna della parete del box doccia è necessario anzitutto stuccare le teste delle viti; successivamente, va effettuato il trattamento dei punti di giunzione tra le lastre, applicando un nastro di rinforzo in carta microforata. Contemporaneamente, è possibile applicare – ove necessario – dei paraspigoli in acciaio, inglobandoli con lo stucco. Dopo aver atteso l’asciugatura, è possibile trattare le superfici con un primer di preparazione e tinteggiare con un’idropittura per interni. 

La parte interna al box doccia, invece, necessita di un ciclo di impermeabilizzazione da realizzare mediante i seguenti passaggi: 

  • Applicare gli accessori per l’impermeabilizzazione agli angoli del vano che ospiterà il piatto doccia, annegandoli nella guaina elasto-cementizia; 
  • Applicare alle pareti interne del vano doccia due mani di guaina elasto-cementizia tra le quali affogare la rete in fibra di vetro; 
  • Posare il piatto doccia e le piastrelle utilizzando una colla cementizia; 
  • Stuccare le fughe. 

Quali materiali Saint-Gobain utilizzare 

Per la realizzazione di una parete divisoria per box doccia in cartongesso, è possibile attingere al catalogo di Saint-Gobain Italia per reperire tutti i materiali necessari: 

  • Profili metallici Gyproc Gyprofile, laminati metallici anticorrosivi, dielettrici e antifingerprint; 
  • Nastro biadesivo in schiuma di polietilene reticolata Gyproc; 
  • Pannelli in cartongesso Gyproc Hydro e Hydro H1, lastre idrorepellenti a ridotto assorbimento d’acqua, oppure lastre ad alta resistenza meccanica Gyproc Habito® Forte Hydro; 

Per richiedere informazioni o metterti in contatto con noi clicca qui!

Condividi su:
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter

Altri articoli

I superpoteri delle idropitture: tinteggiare e sanificare le pareti.

L’idropittura è un prodotto che presenta molti tipi e caratteristiche diverse tra loro. Questa ampia diversità fa della pittura ad acqua un prodotto funzionale
Leggi l'articolo

Insufflaggio: l’isolamento termo-acustico semplice, veloce ed economico.

L’insufflaggio è una tecnica semplice, versatile e rapida per isolare termicamente e acusticamente le murature perimetrali e i sottotetti non abitabili della casa. Se
Leggi l'articolo