Come creare una controparete in cartongesso per mascherare piccoli difetti dell’umidità di risalita Skip to content

Come creare una controparete in cartongesso per mascherare piccoli difetti dell’umidità di risalita

L’umidità di risalita è un problema piuttosto comune in ambito edilizio; esso si verifica quando l’acqua, a causa di un fenomeno chiamato “capillarità”, risale dal terreno di fondazione e si infiltra all’interno delle strutture murarie degli edifici. La risalita dell’umidità causa danni estetici, strutturali e degrado alle opere edilizie, specie se gli interventi di impermeabilizzazione alla base delle murature sono stati carenti o inadeguati. Le soluzioni per ovviare a problemi di questo tipo sono diverse; quella principale è rappresentata dalla rimozione dell’intonaco ammalorato per realizzarne uno nuovo, specifico da risanamento, dotato di speciali caratteristiche tecniche e di proprietà fisiche, tra le quali la spiccata traspirabilità. Non sempre però è possibile implementare un intervento del genere, dal momento che il nuovo intonaco – per risultare davvero efficace – deve raggiungere uno spessore di applicazione ben preciso. In tal caso, è possibile optare per una soluzione alternativa e rapida: una controparete in cartongesso che consenta di mascherare l’indesiderato effetto estetico, creando inoltre una camera d’aria che permette la traspirazione delle strutture murarie. Di seguito, vediamo come procedere. 

Utensili e materiali occorrenti 

La realizzazione di una controparete in cartongesso richiede l’impiego dei seguenti materiali: 

  • Profili metallici a ‘C e U’ oppure a omega; 
  • Nastro biadesivo per struttura metallica; 
  • Lastre di cartongesso idrorepellenti; 
  • Tasselli ad espansione; 
  • Viti autofilettanti; 
  • Stucco per cartongesso; 
  • Nastro in carta microforata per armatura giunti; 
  • Primer di preparazione per supporti in cartongesso; 
  • Idropitture traspiranti per uso interno. 

Gli utensili occorrenti, invece, sono: una cesoia (o una mola da taglio), un cutter, una matita, un trapano avvitatore, una livella, un metro, una spatola, un frattone, e un secchio. 

Progettazione del sistema a secco 

Il primo step da affrontare per realizzare una controparete in cartongesso per tamponare l’umidità di risalita consiste nel redigere un progetto di massima. A tale scopo, è necessario effettuare le opportune misurazioni e individuare la soluzione più adatta a seconda delle specifiche esigenze di carattere tecnico. 

Allestimento della controparete 

I passaggi necessari alla realizzazione di una controparete in cartongesso sono i seguenti: 

  • Tagliare a misura i profili metallici per la creazione dell’intelaiatura, servendosi di una cesoia oppure di una mola da taglio; 
  • Nel caso di profili omega, posizionarli in verticale ad una distanza tra loro di massimo 60 cm vincolandoli direttamente alla parete utilizzando tasselli ad espansione; se si desidera allestire una controparete più spessa, è necessario adoperare i profili a ‘C (montanti verticali) e a U (guide orizzontali)’, fissando prima le guide a pavimento e a soffitto con il nastro biadesivo e poi vincolandoli ai supporti con i tasselli ad espansione, a seguire inserire i montanti verticali posti ad una distanza tra loro di massimo 60 cm; 
  • Ricavare dai profili metallici eventuali spezzoni trasversali necessari al rinforzo dell’intelaiatura; 
  • Fissare le componenti metalliche tra loro mediante viti autofilettanti testa piatta punta trapano; 
  • Sagomare le lastre di cartongesso su misura; 
  • Fissare le lastre in cartongesso alla struttura metallica, tramite apposite viti. 

 

Stuccatura e finitura 

Completata l’installazione del sistema a secco, è possibile procedere alle operazioni di finitura. Per prima cosa, bisogna stuccare le teste delle viti e i punti di giunzione tra le lastre con uno stucco a base gesso per cartongesso. Il trattamento dei giunti deve essere completato mediante l’applicazione di uno strato di nastro di rinforzo, posto e annegato tra due strati di stucco. Quando lo stucco è completamente asciutto, si possono rimuovere le imperfezioni superficiali tramite una rapida carteggiatura. Fatto ciò, il supporto va preparato applicando uno strato di primer prima di effettuare la tinteggiatura con un’idropittura per interni altamente traspirante. 

Quali prodotti Saint-Gobain utilizzare 

L’allestimento di una controparete in cartongesso può essere realizzato utilizzando i seguenti prodotti Saint-Gobain: 

  • Gyproc Gyprofile, profili metallici a ‘C e U’, anticorrosivi, dielettrici e antifingerprint, ideali per la realizzazione di strutture di supporto per sistemi in cartongesso; 
  • Gyproc Omega, profili metallici a forma di omega, ideali per la realizzazione di strutture di supporto per sistemi in cartongesso; 
  • Nastro biadesivo Gyproc, una guarnizione in polietilene reticolata impermeabile; 
  • Gyproc Habito® Forte Hydro, una lastra di gesso rivestito con nucleo ad intensità incrementata con fibre di vetro. Ideale per gli ambienti umidi, offre anche un’elevata resistenza meccanica ai carichi ed una notevole durezza superficiale; 
  • Viti autofilettanti Gyproc, specifiche per lastre ad alta densità; 
  • Viti autofilettanti testa piatta punta trapano Gyproc LY13, specifiche per il vincolo tra loro dei profili metallici; 

Nel caso sia possibile eseguire l’intervento con un intonaco da risanamento per eliminare in modo efficace le problematiche causate dalla presenza di umidità da risalita capillare, Saint-Gobain propone gli intonaci della gamma webersan con le loro specifiche finiture e decorazioni. 

 

 

Per richiedere informazioni o metterti in contatto con noi clicca qui!

Condividi su:
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter

Altri articoli

I superpoteri delle idropitture: tinteggiare e sanificare le pareti.

L’idropittura è un prodotto che presenta molti tipi e caratteristiche diverse tra loro. Questa ampia diversità fa della pittura ad acqua un prodotto funzionale
Leggi l'articolo

Insufflaggio: l’isolamento termo-acustico semplice, veloce ed economico.

L’insufflaggio è una tecnica semplice, versatile e rapida per isolare termicamente e acusticamente le murature perimetrali e i sottotetti non abitabili della casa. Se
Leggi l'articolo