#FaiConIMakers: Makers At Work completa la controsoffittatura in cartongesso - Saint-Gobain Italia - Life Upgrade Skip to content

#FaiConIMakers: Makers At Work completa la controsoffittatura in cartongesso

Procedono speditamente i lavori di completamento di un ufficio all’interno del capannone di Marco, il socio di Giuseppe Conte, uno dei maker con i quali Saint-Gobain Italia collabora fornendo assistenza tecnica e materiale. Completata la struttura perimetrale, il team di Makers at Work si occupa dell’allestimento di un controsoffitto, anch’esso in cartongesso, con il relativo isolamento termoacustico.

L’assemblaggio dell’intelaiatura del controsoffitto

Il primo passaggio da implementare per la posa del controsoffitto è la realizzazione di un’intelaiatura leggera, costituita da appositi profili a ‘U’ in lamiera zincata, che si sviluppa al di sotto della struttura portante in legno lamellare, già allestita in precedenza. Giuseppe Conte ed il suo staff seguono un procedimento ben preciso che prevede i seguenti passaggi:

  • Fissare le guide perimetrali alle pareti, dopo aver segnato le misure sulla parete con l’ausilio di un laser;
  • Assemblare le guide a ‘U’, allestendo per primi i supporti secondari, ossia quelli più corti, così da evitare che la struttura possa imbarcarsi durante le operazioni di montaggio;
  • Completare la controsoffittatura a doppia orditura con il fissaggio dei supporti dorsali, lasciando un interasse da 60 cm; il fissaggio avviene per mezzo di una serie di apposite staffe metalliche (il “giunto lineare”);
  • Per una precisa scelta personale, Giuseppe Conte e il suo staff decidono di applicare i giunti ‘sfalsati’, ossia su due lati diversi;
  • Assicurare la controsoffittatura al telaio in legno tramite l’inserzione di tiranti a sospensione, che permettono di regolare l’altezza dell’intera struttura (grazie alla presenza di un cavo metallico), così da avere una superficie perfettamente in bolla.

Terminato l’assemblaggio della struttura in lamiera, viene collocato pannello isolante in lana di vetro, non rivestito, per implementare un adeguato isolamento termo-acustico dell’ufficio rispetto al resto del capannone. I rotoli vengono srotolati in lunghezza, fino a ricoprire completamente la superficie che verrà poi chiusa dalla pannellatura in cartongesso.

La posa del rivestimento in cartongesso

Dopo aver ultimato l’assemblaggio della struttura portante del controsoffitto, con il relativo isolamento, il team di Makers at Work può dedicarsi all’installazione dei pannelli in cartongesso. Poiché si tratta di lastre di grandi dimensioni (120 cm di lunghezza), per sollevarle viene utilizzato un apposito dispositivo, ovvero un alzalastre telescopico, così da facilitare le operazioni di montaggio. Una volta sollevato e collocato correttamente in posizione, ciascun pannello viene fissato alla struttura in lamiera zincata con delle viti filettate. Poiché la superficie del soffitto non coincide perfettamente con le dimensioni dei pannelli, la parte che resta scoperta (20 cm) verrà tamponata con una porzione di lastra di cartongesso appositamente sagomata.

Il supporto di Saint-Gobain Italia: i prodotti utilizzati

Anche questa fase del complesso e ambizioso progetto di Giuseppe Conte ha beneficiato del supporto di Saint-Gobain Italia, che ha messo a disposizione diversi prodotti, oltre a fornire assistenza tecnica.

La realizzazione della controsoffittatura a doppia orditura è stata implementata utilizzando i profili Gyproc Gyprofile, un prodotto anticorrosivo, dielettrico (evita la formazione di cariche elettrostatiche), ecologico (il rivestimento è privo di cromo) e antifingerprint, ossia rappresenta una barriera al contatto cutaneo. Il brand Gyproc ha fornito anche le lastre di fissaggio dei profili, indispensabili per conferire alla struttura la necessaria stabilità.

Per il tamponamento del controsoffitto è stata scelta, la lastra Habito Activ’Air®, la cui tecnologia è mirata all’assorbimento dei Composti Organici Volatili, in modo tale da migliorare la salubrità dell’aria che circola negli ambienti interni. L’isolamento, invece, è stato realizzato impiegando Isover AcustiPAR 4+, un rotolo di lana di vetro idrorepellente e privo di rivestimento, prodotto con un legante a base di materie prime di origine naturale che assicura un adeguato isolamento termico ed acustico.

 

 

 

Per richiedere informazioni o metterti in contatto con noi clicca qui!

Condividi su:
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su google
Google+

Altri articoli

I superpoteri delle idropitture: tinteggiare e sanificare le pareti.

L’idropittura è un prodotto che presenta molti tipi e caratteristiche diverse tra loro. Questa ampia diversità fa della pittura ad acqua un prodotto funzionale
Leggi l'articolo

Insufflaggio: l’isolamento termo-acustico semplice, veloce ed economico.

L’insufflaggio è una tecnica semplice, versatile e rapida per isolare termicamente e acusticamente le murature perimetrali e i sottotetti non abitabili della casa. Se
Leggi l'articolo